Panzerotti fritti con cipolla di Tropea e salsiccia

IMG_6988

 

I panzerotti fritti, sono diffusi in tutto il sud Italia, sono un cibo da strada, fritto al momento dalle numerose rosticcerie, un appetitoso street food da gustare a qualsiasi ora! A Bari sono una vera e propria istituzione, ma in ogni regione del sud sono famosi e vengono chiamati anche con un nome diverso (calzoni ad esempio, mentre in realtà il calzone è la versione del panzerotto cotto al forno, più leggera  e meno grassa). Ma qualsiasi sia il suo nome sono una bontà a cui difficilmente si può rinunciare.

La ricetta originale prevede l’uso della pasta di pane e della pizza (come facevano nelle case contadine dove ogni impasto avanzato veniva trasformato per evitare lo spreco, visto le difficoltà economiche), quindi da semplice acqua e farina nasce una bontà unica  e  non è soltanto un cibo che piace a tutti,  ma rappresenta la convivialità, la condivisione, i giorni di festa, le serate tra amici e parenti. Infatti quanti di noi  hanno passato una serata tutti insieme divertendosi e preparando una panzerottata ? Bhe!…. credo proprio in tanti, perché sono  semplici  e  molto facili da fare anche in casa, con il classico ripieno di mozzarella filante e pomodoro o con l’aggiunta di prosciutto cotto.

Naturalmente ognuno ha la propria ricetta e sperimenta vari ripieni, proprio come ho fatto io, perchè il panzerotto non è solo fatto con  mozzarella e pomodoro, ma può essere farcito in più modi, accomunati da un ingrediente che non può mancare al suo interno: la mozzarella, che deve essere abbondante e filante, infatti è questo ingrediente che lo rende così buono e irresistibile!

Anche io come tutti ho la mia ricetta, quella che faceva la mia adorata nonna, quella delle numerosissime panzerottate fatte a casa sua con tutta la famiglia riunita intorno ad un camino ad aspettare le sue delizie! Non le lasciavamo il tempo di finire la frittura che subito sparivano, questo ricordo rimarrà indelebile in tutti noi che abbiamo avuto la fortuna di mangiarli ed averla accanto!

Quindi oggi io vi lascio la mia ricetta, quella che ho cercato di rubare con gli occhi alla nonna, perché le nonne si sa, non pesano mai nulla, fanno tutto ad occhio e non sbagliano mai un colpo!

Una parte dei miei panzerotti  oltre al classico pomodoro e mozzarella, oggi avevano un ripieno particolare, alternativo, ovvero cipolla di Tropea salsiccia e provola silana ed è proprio questo che vi racconto!

Ingredienti 

250 gr di farina 0

250 gr di semola di grano duro

280 gr di acqua tiepida

12 gr di lievito di birra fresco

un cucchiaio raso di sale

3 cucchiai di olio di oliva (oppure un cucchiaio colmo di strutto)

un cucchiaio di fiocchi di patate per purè (facoltativo)

olio per friggere

per il ripieno per 5 panzerotti

2 cipolle grandi di Tropea

una salsiccia rossa fresca

100 gr di pomodori pelati

sale pepe

200 provola  affumicata

 

Procedimento

Nella planetaria oppure in una ciotola (se impastiamo a mano), mettere la farina e i fiocchi di patate (questi si possono omettere ma rendono impasto ancora più morbido), unire l’acqua tiepida in cui avremo sciolto il lievito con un cucchiaino raso  di zucchero.  Impastare e unire  il sale e l’olio oppure lo strutto (quest’ultimo rende l’impasto più soffice). Continuare ad impastare fino a rendere il  panetto omogeneo ma morbido, se ci accorgiamo che la farina assorbe più acqua possiamo unirne ancora altri  20 gr.  Mettere a lievitare in una ciotola con un coperchio ed aspettare il raddoppio. Il tempo dipende dalla temperatura in casa, l’ideale è mettere nel forno spento riparato da correnti. In inverno servirà più tempo per la lievitazione.

Durante la levitazione preparare il ripieno perché deve essere ben freddo prima di essere usato. Mettere le cipolle affettate in un tegame con un filo di olio e lasciare ammorbidire, unire la salsiccia sbriciolata.

Far rosolare la salsiccia ed unire i pomodori spezzettati salare e cuocere per 10 minuti oppure fino a quando non sarà addensato completamente.

Mettere in un piatto ed una volta freddo unire la provola a pezzetti. Controlliamo se è raddoppiato l’impasto e versiamolo su una spianatoia infarinata

IMG_6940

dividere in pezzi della stessa misura, io li peso tutti per averli  uguali. Il peso  dipende dalla grandezza che vogliamo dare ai panzerotti, io li preferisco fare da 90/100 grammi per avere un pezzo come quello da rosticceria, ma si può scegliere di farli più piccoli. Con questa dose ne vengono 12 circa. Arrotondare ogni pallina, coprire con un panno umido e lievitare ancora un’ora (devono essere gonfi).

Stenderli con un mattarello, se l’impasto è stato fatto correttamente, non servirà infarinare il piano da lavoro. Non devono essere sottilissimi altrimenti si bucheranno in cottura, ma neanche molto spessi, intorno ad un cm.

IMG_6945 Se sono sola a farli, senza amici o parenti, allora li stendo tutti e li copro con un canovaccio umido in modo che non secchino restando all’aria, così sarà più semplice sigillarli. Una volta terminati si riempiono, si chiudono e si sigillano bene con i rebbi di una forchetta, è importante chiuderli bene altrimenti si apriranno in cottura

IMG_6950

Non possono rimanere tanto tempo farciti altrimenti sarà un disastro la frittura, quindi riscaldare l’olio di oliva (o di semi se preferite) e friggere. Se si fa una panzerottata si possono mettere anche 2 padelle in modo da fare prima, perché chi sta ai fornelli rischia di rimanere senza!

Una volta immersi nell’olio girarli prima che gonfino molto, altrimenti si bucano (e schizza tutto in aria) ed una volta dorati scolarli su carta da cucina

IMG_6956

 

IMG_6955

IMG_6953

Mangiare ben caldi e se siete fortunati ne avrete uno anche voi che avete preparato per gli altri!

http://www.incucinaconporzia.com

 

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...